FUNZIONAMENTO DELL’ADESIVO

Il nostro mondo è caratterizzato da molti più aspetti di quelli che i nostri sensi possono percepire. Esiste una realtà che non è immediatamente tangibile; realtà di cui però il nostro spirito ne è consapevole e che taluni avvertono con le capacità extrasensoriali (ESP – Extrasensory Perpeption). I popoli antichi, più avvezzi e sensibili alla natura ed allo spirito, ne avevano sempre tenuto conto nella loro visione olistica del mondo.

Esiste una energia cosiddetta sottile che viene trasmessa non mediante onde vettoriali ma mediante onde cosiddette scalari. Essa non possiede energia cinetica o termica ma solo ordini di grandezza ed informazioni. Nella fisica classica ogni flusso di energia influenza un corpo in base alla legge di causa ed effetto. L’energia sottile si concretizza invece in una trasmissione di informazioni che interagisce con gli organismi viventi quando questi vibrano nello stesso spettro di frequenza. In quel momento si realizza una interazione nell’ambito della fisica quantistica mediante un processo di risonanza adattiva che alcuni definiscono bio-risonanza per sottolineare per l’appunto la naturalità del fenomeno.

LIVELLI DI INFLUENZA

L’adesivo opera con questa energia sottile su differenti livelli. L’adesivo riesce ad armonizzare e rendere compatibili con l’organismo molte delle influenze nocive dell’elettrosmog stimolando nel contempo una crescita a livello spirituale ed un aumento dei propri livelli di energia.

Ci limitiamo in questa sede ad approcciare alcuni dei principali aspetti e concetti teorici alla base dello sviluppo dell’adesivo senza entrare nel merito dei processi produttivi anch’essi comunque del tutto rilevanti ai fini dell’azione armonizzatrice dell’adesivo stesso.

L’adesivo non va a modificare in alcun modo l’onda elettromagnetica perché in caso contrario gli apparecchi potrebbero non funzionare più correttamene. Il prodotto non incide quindi sugli effetti termici o elettrici dell’onda ma solo sulla parte informazionale in essa contenuta, armonizzandola in modo da renderla più compatibile con il nostro corpo. Il corpo reagirà riconoscendo l’onda intrusa come non pericolosa ed abbassando di conseguenza il suo livello di stress.

SIMBOLOGIA COME MOTORE DI INFORMAZIONI - IL LIVELLO INFORMATIVO (1)

Le tribù ed i popoli antichi hanno da sempre riconosciuto il valore dei simboli.

È comprovato l’utilizzo dei simboli a scopo terapeutico già nell’antichità; ne rappresentano un eclatante esempio i tatuaggi con forme geometriche ritrovati sulla mummia del Similaun Ötzi risalente a 5.300 anni fa.

L’organismo vivente funziona grazie ad una base di informazioni olografiche composte da onde elettromagnetiche e scalari (definite da una sola pura componente di grandezza). La base olografica è caratterizzata dal fatto che una informazione che appare in un punto è anche presente in tutte le altre parti dell’organismo. Ogni molecola può funzionare da antenna in ricezione o emissione ed entrambe le funzioni possono essere influenzate da una forma geometrica.

In sostanza un simbolo, una forma geometrica, una linea funzionano come una antenna con polo negativo e positivo. I segni ed icone operando in risonanza sono in grado di agire sul corpo energetico. Il principio è identico a quello della medicina omeopatica, la quale anch’essa si propone di curare con la sola informazione dei principi attivi.

Si deve riconoscere il contributo importante allo sviluppo di questa nuova scienza all’ingegnere elettronico austriaco Erich Körbler (1935-1994) con la sua teoria della “Nuova Omeopatia”. Nella sua lunga carriera è stato insignito di numerosi riconoscimenti a livello internazionale tra cui: Croce d’oro al merito dalla Accademia Universale di Roma “Guglielmo Marconi”; Medaglia d’oro EUREKA centro europeo a Bruxell per la ricerca innovativa, croce di merito dal re del Belgio).

La simbologia per comporre l’adesivo è ispirata da queste teorie.

Consigliamo le seguenti letture a chi volesse approfondire l’argomento:
o Curarsi con le informazioni. Il metodo Körbler. Maria Sági - István Sági – Nuova Ipds Editore 2014
o Raum & Zeit. Die neue Dimension der Wissenschaft – special 3 – Das Lebenwerk Erich Körbler- Ehlers Verlag Gmbh – Wolfrathshausen 20
o Heilen mit kosmischen Symbolen – ein Praxisbuch – Dr. Siethard Stelzl – Schiner Verlag – 2005
o Heilen mit kosmischen Symbolen – das Arbeitsbuch Dr. Siethard Stelzl – Schiner Verlag - 2010
o Strich Coding- Roswitha Stark – Maukau Verlag Gmbh 2016

SIMBOLOGIA ED EVOLUZIONE ENERGETICA – IL LIVELLO INFORMATIVO (2)

L’energia sottile è ovunque e può essere “raccolta” o “convogliata” attraverso delle forme geometriche e lineari. Questi disegni si possono confrontare con i meridiani della medicina cinese. Sono delle sorti di circuiti integrati di un computer capaci con il loro schema bidimensionale di entrare in risonanza con l’energia sottile armonizzante inizializzando uno scambio di informazioni tra l’esterno ed il corpo energetico.

Abbiamo inserito nella raffigurazione l’emblema di un vortice orientato in senso orario perché rappresenta il movimento energetico, richiama il flusso di energia sottile in un continuo moto di creazione e distruzione. È presente spesso nel mondo naturale e ci ricorda movimento dell’universo stesso.

Il movimento centrifugo simboleggia una espansione ed evoluzione armonica di energia positiva che si irradia dall’interno verso l’esterno al fine di controbilanciare inconsapevolmente gli effetti di informazioni nocive.

Il vortice ed i colori scelti nel loro complesso hanno in conclusione la funzione, come negli antichi mandala, di armonizzare e ridurre i livelli di stress del corpo.

La figura del vortice viene riscoperta oggi anche a livello di quanti e di composizione della materia. Si segnala la lettura a tale proposito del libro “viva vortex” della fisica e naturopata Dr.sa Gabi Müller (Viva Vortex – Gabi Müller – BoD Books Verlag – Norderstedt – 2017).

POTERE DELLA FORMA ED ENERGIA SOTTILE – IL LIVELLO MATERIALE

Le forme (geometriche, lineari, bidimensionali, tridimensionali, ecc…) hanno il potere di manipolare e indirizzare l’energia nello spazio. Lo spazio, apparentemente vuoto, è denso di energia. Dopo anni di dibattiti si è oggi propensi a sostenere che esista un etere ovvero un campo di energia che alcuni chiamano ZPE (zero point energy). Il termine potere della forma viene coniato dal Dan A. Davidson che sostiene nel suo libro che le forme ed il loro intersecarsi di linee generano dei flussi di energia eterica. Un esempio per tutti sono le grandi piramidi egiziane ove sono state misurati numerose anomalie energetiche.

L’energia eterica è ovunque e può essere facilmente raccolta, diretta, focalizzata da forme geometriche e schemi oltre che dalla mente e dal pensiero.

Tutti gli adesivi sono „trattati” a livello energetico con un metodo particolare che permette di concentrare su di essi energia sottile.

Segnaliamo anche in questo caso alcune interessanti letture:
o Shape power, il potere della forma - Dan A. Davidson – OmPhi Labs Roma – 2013